‘A Juta a Montevergine di Ospedaletto d’Alpinolo: il programma

Tempo di lettura stimato: 4 minuti

Torna ‘A Juta a Montevergine, la tradizionale festa di Ospedaletto d’Alpinolo giunta alla XXIV edizione. Con la direzione artistica della napoletana Fiorenza Calogero, l’evento si svolgerà nel piccolo comune irpino dal 10 al 12 settembre. E quella di quest’anno sarà la Juta del recupero di uno stato di grazia spirituale, della dignità morale, sociale e politica; ma anche la Juta della memoria popolare e della devozione.

Saranno, dunque, tre giorni intensi che vedranno alternarsi momenti di festa alle celebrazioni religiose in un programma fitto di appuntamenti. Infatti, sono previsti convegni, stand enogastronomici e botteghe artigianali nel centro storico; gruppi itineranti e paranze per le vie del borgo; concerti live e arte di strada. Senza dimenticare, poi, la tradizionale sfilata – prevista l’11 settembre – per le strade del paese, con macchine, cavalli e carrettoni addobbati a festa, che anticipa il raduno e il pellegrinaggio del 12 settembre all’Abbazia di Montevergine per rendere omaggio a Mamma Schiavona.

Fiorenza Calogero presenta la XXIV edizione de ‘A Juta a Montevergine

«Quest’anno abbiamo scelto come sottotitolo Mater Regenerationis, che racchiude il senso profondo di questa edizione – spiega Fiorenza Calogero –. Infatti, questa festa sarà una vera e propria rinascita dopo la parentesi pandemica».

Regina dell’evento sarà, ovviamente, la musica: «Avremo modo di godere di quella popolare più autentica, che si tramanda di generazione in generazione; ma anche della New Tradizione che ‘A Lumanera esprime perfettamente. Come fanno anche Le Sette Bocche con Angelo Plaitano, che mette in musica l’identità culturale dei luoghi».

Ma tutti gli artisti saranno liberi di esibirsi: «Abbiamo predisposto due location: il centro storico, dedicato esclusivamente agli artisti e agli ospiti del festival; mentre per le suonate libere durante la tre giorni della Juta ci saranno a disposizione la Villa Comunale e Piazza Pellegrino». Poi conclude: «Voglio esprimere un ringraziamento particolare al sindaco, Luigi Marciano, per la fiducia accordatami, e a tutti coloro che stanno lavorando con me a questo progetto».

Il programma de ‘A Juta a Montevergine

Ecco tutti gli appuntamenti de ‘A Juta a Montevergine.

10 settembre

Ore 17: “Ospedaletto luogo di Accoglienza, Spiritualità, Cultura e Imprenditorialità, tra Sacro e Profano” – ‘A Juta a Montevergine; Inaugurazione della Biblioteca Parrocchiale, Chiesa SS Filippo e Giacomo.

ore 17.30: Apertura Stand Enogastronomici e Botteghe Artigianali Centro Storico

ore 20: Gruppo Itinerante ‘A Paranza D’’O Tramuntano – Per le vie del Borgo Ballando per le Strade a cura di Simona Totaro, via Fontana di Mezzo.

Ore 21: ‘O Pazzariello ‘E Napule Angelo ‘O Capitano Picone e ‘A Paranza D’’O Tramuntano, in Piazza Umberto I.

Ore 22: ‘A Lumanera Folk Irpino, concerto da palco.

Ore 24: Tammurriata Remix a cura di Tonino Faiello.

11 settembre

Ore 17.30: Apertura Stand Enogastronomici e Botteghe Artigianali Centro Storico.

Ore 18: Sfilata per le strade del paese di macchine, cavalli e carrettoni addobbati a festa a cura della famiglia D’O Casone per rendere omaggio a Mamma Schiavona.

Ore 19.30: Concerto Devozionale “A Maria” con Biagio De Prisco e con Marco Palmieri voce recitante; Il Coro Popolare dell’Agro Nocerino Sarnese e La Voce della Tradizione Marianna Ricciardi, Fortunato Carotenuto, Marco Limatola, Nino Conte, Chiesa San Filippo e Giacomo; Arte di Strada a Piazzetta Garibaldi con Carlos Show e il Mago Luke.

Ore 20: Spettacolo sui trampoli.

Ore 21: Spettacolo giocoleria per bambini.

Ore 22: Spettacolo comico di magia per bambini.

Ore 23: Spettacolo sputafuoco per bambini e adulti.

Ore 21: ‘O Pazzariello ‘E Napule Angelo ‘O Capitano Picone al Centro Storico.

Ore 21.30: La Memoria Popolare in o.a.

Achille D’Agnese e i Zompacardillo – Montemarano – piazza Demanio.

Biagio De PriscoAgro Nocerino Sarnese – via Fontana di Mezzoì.

Peppino Di FebbraioGiugliano – piazza Umberto I.

Tonino ‘O Stocco EspositoPaesi Vesuviani – Cortile Comune.

Carmine Ferrara, Pietro Di Martino, Federico FerraraTammurriata della Madonna Avvocata Maiori – dietro la Chiesa (Campanile).

Raffaele Inserra, Catello Gargiulo, Gianfranco Ricco, Hiram Salzano – Monti Lattari – Piazza Municipio.

Antonio ‘O Lione MatroneMarra di Scafati – via Municipio.

A Mezzanotte tutte le paranze si riuniranno in Piazza Umberto I per una Tammurriata finale; seguirà, poi, Tammurriata Remix a cura di Tonino Faiello.

12 settembre

Ore 5.30: ‘A Juta a Montevergine, raduno e pellegrinaggio a piedi lungo la strada mulattiera, per raggiungere e ringraziare Mamma Schiavona, partenza Piazza Demanio.

Ore 17.30: Apertura Stand Enogastronomici e Botteghe Artigianali nel Centro Storico.

Ore 18: Processione Rievocativa – Festone della Madonna.

Ore 20: Il PentameroneLo Cunto de Li Cunti – Per le vie del Borgo e via Fontana di Mezzo.

Ore 21.30, Piazza Umberto I: Le Sette Bocche dalla Fonte Della Musica Popolare – concerto da palco.

Ore 23.30: Tammurriata remix a cura di Tonino Faiello.

L’Organizzazione ha disposto due locations per tutti i gruppi che per devozione e tradizione vogliono suonare liberamente: la Villa Comunale e Piazza Pellegrino.

Nel Centro Storico sono previsti solo gli artisti inseriti nel cartellone del Festival e provvisti di badge.

Redazione ilFattoNapoletano.it

IlFattoNapoletano.it è un blog informativo su ciò che succede a Napoli e d’intorni e nasce con l'intento di fornire ai lettori focus e spunti di riflessioni su determinati aspetti inerenti la vita della città.

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: